Benvenuti!

VIENI SANTO SPIRITO!

“Riempi il cuore dei tuoi fedeli e accendi in essi il fuoco del tuo amore!”.
+39 06 79342018
casa.generale.apss@gmail.com
Via Anagnina 374
Giovedì, 03 Ottobre 2019 09:48

Lo Statuto

Vota questo articolo
(0 Voti)
Locri giorno di Pentecoste 2019, i Cenacolini rinnovano le promesse. Locri giorno di Pentecoste 2019, i Cenacolini rinnovano le promesse.

STATUTO

“CENACOLO DELLO SPIRITO SANTO”

 

CAPITOLO 1

“NATURA E FINALITA’ DELL’ASSOCIAZIONE LAICALE “CENACOLINI/NE DELLO SPIRITO SANTO”

       

“Non voi avete scelto me ma io ho scelto voi…” (Gv 15,16)

  1. L’Associazione laicale “ CENACOLINI/NE DELLO SPIRITO SANTO” si configura come organizzazione di fedeli laici che vogliono condividere la spiritualità della Congregazione “Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo” per seguire più da vicino Gesù povero obbediente e casto ed inserirsi vitalmente nel tessuto della Chiesa locale con un apostolato aperto alle esigenze dei tempi, dei luoghi e dei bisogni delle persone nella loro concretezza: “Dove e come lo Spirito ispira nella Chiesa lungo i secoli”.
  1. Lo Spirito soffia dove vuole ( Gv 3,8 ) e ci conduce nel cuore della Chiesa, che è il cuore di Cristo, Verbo incarnato nella storia. Al centro del dolore del mondo, il Santo Spirito effonde luce di verità, quale dono di liberazione e crescita cristiana e, irradiando di splendore ogni attimo della nostra esistenza, c’insegna a riconoscere la presenza viva ed attuale di Cristo, Parola vivente
  1. Per questi motivi il primo obbiettivo cui mirare è la riscoperta delle radici ecclesiali dell’associazione. Tutti gli strumenti utili a conseguire il fine, riconducono la nostra piccola Comunità nel cuore della Chiesa di Cristo. Ciò vuol dire creare legami vivi ed attuali con le comunità parrocchiali e canali di comunicazione con la Chiesa Universale. A tale fine particolare attenzione sarà rivolta alla Catechesi del Santo Padre e ai documenti del Magistero che riguardano i laici nonché alla programmazione della C.E.I. e della Diocesi di appartenenza.
  1. L’Associazione C.S.S. s’inserisce spontaneamente, per filiazione spirituale nella Congregazione delle “Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo, sotto la giurisdizione della sede generalizia rappresentata dalla persona della Superiora Generale che delega, a livello locale, quale figura di riferimento spirituale e guida per l’organizzazione degli incontri e della programmazione, una suora da lei scelta per congenialità di spiritualità.
  1. La finalità dell’Associazione C.S.S.  è quella della santificazione dei suoi membri ed un apostolato universale nella docilità e fecondità dello Spirito, al servizio umile e attivo alla Chiesa di Cristo, esercitato attraverso la via luminosa dei consigli evangelici indicata dal Signore stesso e suggerita, in ogni tempo, dallo Spirito  Santo, e l’apostolato parrocchiale e servizio al prossimo: “ L’azione dello Spirito Santo ci spinge a perfezionare e santificare la nostra vita  abbracciando i consigli evangelici della castità, povertà e obbedienza, sia in ordine alla vita interiore, alla vita apostolica, alla vita ordinaria nella forma laicale. La nostra missione è testimoniare  l’Amore di Dio diffuso nel nostri cuori mediante  l’azione dello Spirito Santo come laici impegnati: “che vivono nel mondo ma non sono del mondo” (Gv 15,19)  ed annunciare al mondo che tutti siamo chiamati alla santità, ossia alla comunione con Cristo nell’offerta di se stessi al Padre mediante l’azione dello Spirito Santo.   
  1. L’associazione C.S.S., quale dono dello Spirito Santo condivide la spiritualità e l’apostolato che la Famiglia Religiosa delle “Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo si prefigge, attraverso forme e modi che rispecchiano la loro forma peculiare di vita laicale; perfettamente integrate nella realtà sociale e familiare di ciascun componente ma nutrite della spiritualità universalmente attiva della famiglia religiosa di riferimento.
  1. L’Apostolato dei Cenacolini/ne va oltre a quello della Famiglia Religiosa di riferimento per colmare quelle realtà di apostolato e quei luoghi che le suore non possono raggiungere. Quindi, resteranno aperte verso campi più vasti, come lo Spirito ispira e i segni dei tempi e dei luoghi indicano, venendo incontro alle necessità reali dei fratelli. E’ auspicabile che i Cenacolini dove sarà possibile, affianchino le Suore i quei tipi di apostolato loro confacenti.  
  1. I Cenacolini/ne- consacrano a Dio Padre la propria vita in Cristo sotto l’azione dello Spirito santo mediante l’offerta di se stessi a Dio come nubili, o vedove - celibi o sposati?)- per tendere alla perfezione della carità. L’anima i Cenacolini,  per permettere che la vita nello Spirito scorra in essa, sarà semplice e pura; povera e casta a somiglianza di Cristo loro sposo; dallo sguardo luminoso che sa contemplare il volto di Dio nei fratelli; la bellezza e la freschezza dell’universo come impronta del suo Creatore; che sa cantare come il Poverello di Assisi “Laudato sii mi Signore” per tutte le tue creature.
  1. La vita dei Cenacolini/ne è contraddistinta dall’umiltà: “Non conformatevi a questo mondo ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto. Non valutatevi più di quanto conviene, ma valutatevi in modo saggio e giusto ciascuno secondo il dono ricevuto condividendolo con rispetto e umiltà poiché, pur essendo molti siamo un solo corpo: il Corpo Mistico di Cristo ( cfr Rm 12; 1-4);

A- I tratti caratteristici dei Cenacolini/ne- saranno la semplicità nel parlare; la prudenza nelle azioni; l’umiltà nel modo di essere al servizio; la sapienza nel comunicare la Parola; la pazienza nell’affrontare le difficoltà; la gioia, l’amore e la pace: “ Se vi lascerete guidare dallo Spirito Santo darete frutti buoni e duraturi”; I frutti dello Spirito Santo sono: amore, gioia, pace, pazienza,benevolenza,bontà,fedeltà,mitezza, dominio di se (Gal 5,18.22-25) Perciò se viviamo dello Spirito camminiamo anche secondo lo Spirito”

                                                     

CAPITOLO II

SPIRITUALITÀ COME STILE DI VITA APOSTOLICA

“Solo se vi lascerete guidale dallo Spirito Santo darete frutti buoni e duraturi”. “Se non  ci lasciamo guidare dallo Spirito Santo non saremo capaci di sollevare nemmeno una foglia ”. ( M. Giuditta Martelli)  

  1. I cena colini/ne - già consacrati a Dio nel Battesimo, immersi nella Morte e Risurrezione di Cristo ed avendo già ricevuto lo Spirito Santo, confermeranno la loro consacrazione battesimale mediante promesse di povere obbediente e castità per seguire più da vicino Gesù povero obbediente e casto. Perciò faranno della loro vita una offerta a Dio gradita, attingendo forza e vitalità dallo Spirito Santo mediante il quale potranno vivere un’esperienza concreta di vita nello Spirito e di apostolato fecondo secondo l’energie ricevuta dello Spirito
  1. Lo zelo apostolico dei Cenacolini/ne- rifletterà lo slancio degli Apostoli usciti dal Cenacolo dopo aver ricevuto il dono dello Spirito. Perciò devono sentirsi membra vive, attive e operative del corpo mistico di Cristo che è la Chiesa. Abbracceranno l’apostolato che la Chiesa promuove; si inseriranno nel tessuto vivo della Chiesa locale con il proprio carisma o dono ricevuto dallo Spirito per edificare il corpo mistico di Cristo tenendo presente le proprie professionalità e mettendole al servizio del bene comune. Saranno così fermento di santità nella vita familiare, professionale, sociale; presenza viva che si contrappone all’egoismo del mondo, quali serve dello Spirito Santo al servizio del prossimo.
  1. L’apostolato sarà vissuto come dono e come risposta d’amore a Colui che li ha scelti e chiamati, secondo lo spirito di Madre Giuditta Martelli che tutto poneva nel Cuore di Gesù Crocifisso. Perciò accoglieranno con amore chi è solo, chi è malato, chi è povero, chi è abbandonato per riversare su tutti la magnanima misericordia del Padre, la salvezza del Figlio, la consolazione dello Spirito Santo.
  1. Le forme e i modi che incarnano la loro missione saranno anzitutto le situazioni concrete e comuni in cui ogn’uno di loro si trova a vivere ed operare. Quando le condizioni fisiche non permetteranno loro di compiere la missione mediante l’attività caritativa o apostolica, offriranno a Dio la loro sofferenza, la fedeltà alla loro vocazione, la preghiera – quale profumo d’incenso – e parteciperanno in pienezza alla missione della Chiesa unendo la loro sofferenza a quella di Gesù Cristo e completando ciò  che manca alla Sua passione per la salvezza dei fratelli.  

 

CAPITOLO III

LA FRATERNITA’

“Siate sempre uniti nella carità, siate angeli accanto agli infermi, madri accanto ai piccolo, giovani con i giovani bramose solo di condurre anime a Dio” ( Madre Giuditta Martelli )

“Amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda, siate ferventi nello spirito, lieti nella speranza, costanti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera.” (Romani 12; 10-12)

  1. I Cenacolini/ne- come fratelli e sorelle che vivono la medesima spiritualità si accoglieranno con affetto fraterno, si ameranno e stimeranno reciprocamente promovendo il bene l’uno dell’altro; si aiuteranno nel bisogno condividendo in perfetta letizia i doni ricevuti dal Signore; si ascolteranno con attenzione e rispetto. Nelle incomprensioni si perdoneranno imparando così l’arte di cucire e ricucire gli strappi con la misericordia e la tenerezza di Dio.

       “Rivestitevi dunque, di sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà di mansuetudine, di pazienza sopportandovi a vicenda e perdonandovi scambievolmente, se qualcuno abbia di che lamentarsi nei riguardi degli altri” (Col 3;12-13) e “Il Signore vi faccia crescere e abbondare nell’amore vicendevole e verso tutti (…) per rendere saldi e irreprensibili i vostri cuori nella santità ( 1Tes 3,12-13).

  1. I Cenacolini/ne- vivranno la loro vita comunitaria in tutti gli ambienti che fanno parte del loro vivere quotidiano prendendo come modello la Madre di Gesù, Maria Ancella del Signore, e “ donna del grembiule” sempre pronta al servizio dei fratelli nell’ambiente domestico e nella comunità dei primi cristiani. Ella è donna che custodisce la Parola, custodisce l’unità, la fede e il fervore degli apostoli.  Così i Cenacolini, guidati dallo Spirito Santo, saranno  fermento vivo, ”luce posta sul candelabro” ed esempio luminoso di convivenza cristiana.
  1. I Cenacolini/ne- vivranno la loro vita comunitaria ansitutto nella famiglia di origine all’interno della quale eserciteranno quelle virtù che la stessa convivenza richiede: l’amore  e la stima per ogni singolo componente della parentela,  la lealtà negli atteggiamenti e nelle parole; l’apertura al dialogo, la discrezione; l’incoraggiamento nelle difficoltà; le cure delle persone malate o anziani o bambini che compongono la propria famiglia.
  1. Inoltre i Cenacolini coltiveranno il senso di appartenenza alla Famiglia Religiosa di riferimento assicureranno in questa la loro presenza attiva e discreta nei momenti di difficoltà o di particolare importanza della vita dell’Istituto, faranno così esperienza di comunione fraterna con i membri della Congregazione medesima.

La Congregazione riserverà dei tempi da stabilire per accoglierli nel suo interno per uno scambio di conoscenza di esperienze e un approfondimento della spiritualità.

 

CAPITOLO IV

VITA NELLO SPIRITO E IMPEGNO DI PREGHIERA

Sorelle amatissime in Cristo e figlie dilette, se non saremo intimamente unite al Signore, saremo senza consolazioni, mentre con Lui tutto è superabile, tutto è facile e anche dilettevole, incoraggiatevi dunque a vivere questa via di intimità con Dio. Cercate il suo regno ed il resto vi sarà dato (Madre Giuditta)

  1. I Cenacolini/ne, avendo come modello Maria, Ancella dello Spirito Santo, la quale ascoltava meditando nel Cuore la Parola, faranno del Pane Eucaristico e della Parola di Dio il nutrimento spirituale quotidiano. Ricorderanno che L’Eucaristia, la Parola meditata e la preghiera saranno come sorgente d’acqua viva che irrigando  il terreno lo feconda di frutti buoni e duraturi: i frutti dello Spirito. Quindi, s’impegneranno a vivere di preghiera e, come segno di apostolato e di carità, s’impegneranno ad educare i fratelli alla preghiera.
  • S’impegneranno a dedicare durante la giornata tempi esclusivi per la preghiera personale:
  • Parteciperanno al Sacrificio Eucaristico, dono prezioso offertoci da Gesù dal quale attingere nutrimento, forza, consolazione e iniziare il cammino della giornata con la consapevolezza di stare con Gesù’, camminare con lui nei propri percorsi quotidiani di superamento delle difficoltà o di esultanza in un fecondo apostolato: “Non vi lascerò orfani, io sarò sempre con voi” (cfr.Gv.14,18 Mt 28,20)
  • S’impegnerà ad essere presente all’Ora di Adorazione Eucaristica settimanale comunitaria;

alla preghiera quotidiana del Rosario; Lodi, Vespri e Compieta. Tenendo presente gli impegni che il loro stato laicale comporta, faranno discernimento su ciò che potranno omettere per essere elastici e su ciò che non potranno tralasciare per essere fedeli a Gesù e nutrire la propria vita interiore;

Oltre alla preghiera personale, sarà premura dei Cenacolini di essere attivamente presenti agli incontri comunitari settimanali, mensili e annuali. Tali incontri si svolgeranno in spirito di condivisione fraterna, nella preghiera e nell’approfondimento delle Sacre Scritture e dei documenti del Magistero.

PER L’ ORGANIZZAZIONE DEGLI INCONTRI:

  1. Si prevede che alla Suora responsabile si affianchi la figura di un coordinatore o coordinatrice ( o tre membri che formeranno il consiglio) Essi svolgeranno il ruolo di responsabili della programmazione delle attività ordinarie, e saranno in carica per un periodo da stabilirsi.

Il Coordinatore/ce  ( o il Consiglio)  avrà il compito di stabilire il tempo e il luogo della revisione di vita che sarà semestrale, avrà il compito di orientare le nuove proposte e di indirizzare le iniziative e le discussioni  ogni qualvolta sarà necessario affinchè la Comunità dei Cenacolini/ne possa armonicamente svilupparsi e crescere in reciprocità d’intenti ed in comunione di vita.


CAPITOLO V

L ‘APOSTOLATO

 

“Mie care figlie in Gesù, se noi vogliamo possiamo diventare angeli di pace nelle nostre famiglie, ed anche del prossimo” (Madre Giuditta Martelli).

“La messe è molta ma gli operai sono pochi, pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai per la sua messe!”. ( Lc 10,2)

 

  1. L’apostolato dei Cenacolini/ne- nasce dal desiderio di collaborare alla missione salvifica della Chiesa:

La messe è molta, i campi di apostolato che richiedono la nostra risposta sono vasti, mentre ci sollecitano a pregare il padrone della messe perché mandi operai nella sua messe, in pari tempo ci spingono ad uscire dalle nostre chiusure per far fronte alla missione. Il fine dell’apostolato  è l’amore a Cristo e ai fratelli. Lo zelo apostolico nasce dal desiderio di annunciare il Vangelo  affinchè tutti gli uomini siano salvi.

Il primo apostolato dei Cenacolini/ne- è quello che svolgono dentro le mura domestiche tra i propri familiari, poi negli ambienti di lavoro in cui  opera.

Tenendo presente i vasti campi di apostolato nei quali possono essere chiamati ad operare, secondo il carisma dell’Istituto di appartenenza, i Cenacolini/ne- faranno  un serio discernimento per valutare le proprie peculiarità:  (attitudini e doni ricevuto dallo Spirito), e fare delle scelte che siano consone alle proprie attitudini, incisive nel campo di apostolato nel quale operare e compierle con competenza pastorale e spirito missionario.

L’apostolato nel quale i Cenacolini/ne-  possono operare, pur essendo vasto: <dove e come lo Spirito ispira nella Chiesa lungo i secoli>, ha delle priorità, esse sono:

  • La Pastorale parrocchiale ( collaborare con il parroco nelle opere di carità o di apostolato che la parrocchia promuove o crearne altre che nascono dall’esigenza del popolo per rendere più viva la partecipazione dei fedeli alla vita parrocchiale);
  • La Pastorale dell’ammalato, dei poveri, degli ammalati e degli anziani;
  • La Pastorale Familiare – (parrocchiale e diocesana).
  1. Inoltre,dove sarà possibile viene sollecitata la collaborazione alle attività apostoliche caritative che le suore svolgono, condividendo da buone sorelle le esperienze di vita e di apostolato secondo lo stile delle A.P.S.S.

   

CAPITOLO VI

LA FORMAZIONE

“Siate grate al Signore che vi ha chiamate per prime ad una consacrazione particolare al suo amore, non vi sentite bruciare il cuore? Figlie mie, che lo Spirito Santo vi bruci, vi consumi!..” (M.Giuditta Martelli)

  1. Requisiti per essere accolte a far parte alla famiglia dei Cenacolini/ne-:
  • Aver definito il proprio stato di vita( nubile – vedova o sposati);
  • Docilità all’azione dello Spirito Santo per poter compiere un cammino di maturità;
  • Disponibilità di poter partecipare agli incontri di gruppo, agli esercizi spirituali annuali prevedendo un breve periodo di sosta e di presenza nell’Istituto per partecipare alla vita comunitaria della famiglia religiosa delle A.P.S.S.;
  • Inserimento nella vita dei cenacoli con umiltà, apertura di cuore ed accoglienza reciproca;
  1. Ogni singolo membro del Cenacolo si terrà primo/a responsabile della propria formazione cioè: della propria crescita umana, spirituale e professionale ma soprattutto nell’amore reciproco.

Il cammino formativo avrà come fine la perfezione della carità e sarà caratterizzata dalla complementarietà tra lo stato di vita laicale e quello delle religiose ( suore) dell’Istituto di appartenenza. Tale stato richiede di incarnare i seguenti comportamenti:

  • L’umiltà per la quale si riconosce di avere bisogno della grazia di Dio nel cammino della santità e del supporto delle sorelle;
  • Dialogo e interscambio di esperienze di come ognuna nel stato di vita in cui si trova riesce ad incarnare e comunicare il carisma comune e la missione;
  • Il buon esempio e l’impegno di usare i mezzi necessari per una crescita robusta nella vita interiore e la dedizione all’apostolato;
  • Accogliere come dono e vivere ’appartenenza alla famiglia Martelliana.

                    A chi compete la formazione dei Cenacolini/ne:

                   

  1. La Congregazione delle Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo assume la responsabilità della formazione dei Cenacolini/ne-, perciò essa sostiene, accompagna e stimola il loro cammino mediante:

                    1.)-Esercizi spirituali annuali;

                    2.)-Ritiri e incontri periodici;

                    3.)-Direzione spirituale;

                    4.)-Momenti di convivenza e fraternità.

  1. Si prevede, inoltre la figura di un Sacerdote che conosca lo specifico della vita dei Cenacolini e la fisionomia e missione della famiglia delle Ancelle, il quale potrà sostenere il cammino di formazione      iniziale darne il giusto indirizzo. Tale sacerdote sarà incaricato dalla Sup. Generale o da chi ne farà le          sue veci sentito il parere favorevole del Consiglio dei Cenacolini/ne.


TAPPE:

1.)Accoglienza;

        Presentazione del/a candidato/a ed incontro con la famiglia martelliana;

2.)Periodo di formazione iniziale o postulato; Avrà la durata di un anno di esperienza per valutare  e discernere se il candidato/a si sente chiamata a seguire il tenore di vita dei Cenacolini/ne-  e desidera proseguire il cammino;

3.)Noviziato: Periodo di più intensa formazione che avrà la durata di un anno nel quale verrà definita la vocazione e la formazione iniziale del candidato/a e si concluderà con la sua consacrazione laicale. 

4.) Promesse o voti. E’ il momento più importante per il candidato/a il  quale verrà chiamato/a ad esprimere la sua volontà di donarsi totalmente al Signore promettendo di vivere povero/a, obbediente e casto/a nella vita laicale dei Cenacolini dello Spirito Santo.   

      

CAPITOLO VII

PROMESSE O VOTI DI VIVERE POVERE OBBEDIENTI E CASTE

26.) I Cenacolini/ne- ricorderanno che non sono stati loro a scegliere di seguire il Signore, ma che il Signore li ha scelti e chiamati  a vivere in comunione con lui e condividere il suo medesimo stile di vita, ricorderanno che sono chiamati a vivere nel mondo ma non sono del mondo. Accoglieranno questo dono  con gratitudine, e lo vivranno con gioiosa fedeltà.

Le promesse o voti che faranno, vogliono esprimere il proposito di seguire Gesù più da vicino, nel  suo stile di vita povero, obbediente e casto, per essere liberi e disponibili alla missione.

Considerano che questi non sono vincoli che opprimono, bensì doni che liberano dalla schiavitù delle passioni e  introducono nelle beatitudini evangeliche.


LA CASTITA’

La Castità è “frutto dello Spirito” e i Cenacolini/e s’impegneranno a custodirla come ornamento prezioso della loro vita interiore: stile di vita semplice, di modestia e di pudore negli atteggiamenti, nelle conversazioni, nell’abbigliamento, consapevoli che la luce dello Spirito risplende in loro e li rende somiglianti a Gesù casto sposo delle vergini, luce posta sul candelabro che illumina la casa.


POVERTA’

I Cenacolini/e cerchino di educare loro stessi nello spirito di povertà mettendo sempre al primo posto nelle loro scelte e in ogni loro impegno la persona, e usando i beni materiali come mezzi e non come fine a se stessi.

Terranno ben presente che la loro regola di vita è mantenere il cuore libero dai beni materiali e che pur usandoli, vanno considerati come doni della Provvidenza da amministrare con giustizia e carità facendone attenzione ai bisogni dei poveri.

In spirito di povertà eviteranno lo spreco, il lusso, la ricercatezza sapendo distinguere il necessario dal superfluo.

I Cenacolini/e che vivono in famiglia rispettino il patrimoni dei componenti la famiglia stessa, il loro stile di vita semplice e povero non coinvolga direttamente le scelte familiari né lei è tenuta ad imporle,  ma la sua presenza diviene lievito di povertà evangelica. Con il suo esempio tutta la famiglia  viene coinvolta ad incarnare il valore della solidarietà e della condivisione con i poveri.        


OBBEDIENZA

L’Obbedienza nasce sempre dall’esigenza di essere docile al progetto che il Signore ha su ciascuno consapevoli che la volontà del Signore corrisponde al maggior bene delle persone,  e in pari tempo è un atto di fiducia e di affidamento nella mani del Padre il quale provvede ad ogni loro bisogno. La ricerca e il compimento della volontà divina da parte dei Cenacolini/ne, è una esigenza d’amore verso il Padre Celeste, ed è un’assimilazione al Figlio Prediletto Gesù il quale trova la sua gioia nel compiere la volontà del Padre.

Il Voto o Promessa a Dio di obbedienza vincola i Cenacolini anzitutto, all’obbedienza al Sommo Pontefice, al Vescovo della Diocesi di appartenenza, alla Superiora Generale della Congregazione Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo, alla delegata responsabile.

L’Obbedienza si esprime:

  • in un dialogo, confronto e discernimento della volontà di Dio, nella preghiera, chiedendo luce allo Spirito Santo e docilità per eseguire ciò che piace al Signore;  attraverso la Sacra Scrittura e l’insegnamento della Chiesa.
  • Nel compiere con libertà interiore in spirito di servizio e con amore i doveri del suo stato nei rapporti familiari, professionali, sociali, ed ecclesiali;
  • Nel chiedere, con umiltà e fiducia, verifica del suo cammino e consiglio nelle sue scelte alla suora  che la Congregazione di appartenenza ha delegato come responsabile.

I SEGNI

I Cenacolini/e  indosseranno abiti modesti e decorosi, che esprimono sobrietà, bellezza e armonia tali da incutere rispetto alla persona che l’indossa.   

Come segni della loro vita offerta ad Signore, porteranno appeso al collo un piccolo crocefisso sostenuto da un esile cordone rosso per ricordare che la loro vita appartiene a Cristo Crocifisso e Risorto.

Il colore rosso del cordoncino sta ad indicare il fuoco dello Spirito Santo che Gesù venne a portare nel mondo, le lingue di fuoco della Pentecoste, il fuoco di carità che deve sprigionarsi nei loro cuori  per portare al mondo la Buona Novella di Cristo e per essere solidale nella carità con i fratelli.

L’anello è segno sponsale del legame che unisce la sposa allo Sposo, segno di appartenenza allo Sposo e fedeltà alle promesse di seguirlo in ogni evenienza nella gioia e nelle tribolazioni con la certezza di non essere soli ma di vivere con la consolante presenza del Signore Gesù.

 

Letto 3306 volte Ultima modifica il Giovedì, 03 Ottobre 2019 10:04
Altro in questa categoria: « La spiritualità