Benvenuti!

VIENI SANTO SPIRITO!

“Riempi il cuore dei tuoi fedeli e accendi in essi il fuoco del tuo amore!”.
+39 06 79342018
casa.generale.apss@gmail.com
Via Anagnina 374
Sabato, 15 Giugno 2019 11:01

Madre Giuditta: una nuova scintilla per la Chiesa

Vota questo articolo
(0 Voti)

Monsignor Oliva: la santità è il volto più bello della Locride, una terra maltratta ma dalle radici cristiane

Il vescovo di Locri-Gerace, S.E. monsignor Francesco Oliva, a conclusione dell’Inchiesta diocesana, manifestando gioia e gratitudine, ha dichiarato: “Madre Giuditta Martelli esprime il volto positivo di una Locride che ha profonde ed inconfondibili radici cristiane. Una scintilla di luce che illumina una terra troppo maltrattata ed indica il cammino della santità come via di riscatto”. Sabato 15 giugno 2019, nel Salone del Centro Pastorale di Locri si è svolta la chiusura dell’Inchiesta Diocesana sulla vita, le virtù e la fama di santità della Serva di Dio, Madre Giuditta Martelli, fondatrice delle Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo (APSS).

Alla sessione pubblica, hanno partecipato le autorità civili e i metropoliti di Catanzaro e Reggio Calabria. La sessione è stata presieduta da monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace. Il lavoro del Tribunale diocesano si è svolto nell’arco di 12 anni, dal 2007 ad oggi, e diverse figure di laici e sacerdoti si sono alternati nella ricerca e nella raccolta delle testimonianze. 

Dal 2017, Postulatore della Causa è stato nominato il Rev. Sac. Don Enzo Gabrieli del clero di Cosenza ed un nuovo tribunale composto da don Giuseppe Depace (giudice), don Lorenzo Spurio (promotore) e Francesco Reda (notaio) ha celermente lavorato per la conclusione dei lavori.

La Madre Generale delle APSS, suor Carina Canalita, a nome della Congregazione, ha espresso il suo ringraziamento al Signore, e alla Chiesa particolare di Locri e a quanti hanno collaborato in questi anni, a diverso titolo, per la causa di beatificazione della Serva di Dio, madre Giuditta Martelli.

Oltre 4700 le pagine dell’Inchiesta raccolta e presentata al Vescovo. Il Postulatore ha spiegato che tale atto non è anticipazione del giudizio della Chiesa ed è stata l’occasione per illustrate i diversi passaggi di una secolare procedura atta a garantire la Chiesa nei suoi pronunciamenti e che non richiede “fretta o approssimazione” sia negli interrogatori sia nella ricerca e nello studio del materiale storico, teologico e medico.

Segue una solenne celebrazione eucaristica presieduta da sua Ecc.za Mons. Oliva, Sua Ecc.za Mons Vincenzo Bertolone, il Postulatore don Enzo Gabrielli, il parroco della Cattedrale, don Fabrizio Cotardo e altri sacerdoti e da una folla partecipanti, il coro è eseguito dalle Ancelle Parrocchiali dello Spirito Santo, grande soddisfazione di tutta l’assemblea per la gloria di Dio.


 

 

Letto 2494 volte Ultima modifica il Martedì, 17 Dicembre 2019 13:21
Altro in questa categoria: X Capitolo Generale »